Homepage » Ispirazione di viaggio » Le 8 città perdute più incantevoli del mondo da visitare

    Le 8 città perdute più incantevoli del mondo da visitare

    È difficile immaginare come un'intera città possa diventare "perduta", ma ci sono più città in tutto il mondo che sono state abbandonate per una serie di motivi. Oggi offrono affascinanti intuizioni sulla storia umana e molto altro ancora.

    Chichen Itza, Messico Credito: www.bigstock.com
    Chichen Itza, Messico

    Chichen Itza, Messico (Alberghi vicini)

    Oltre alle spiagge, Chichen Itza è probabilmente l'attrazione più popolare della penisola dello Yucatan. Questa antica città maya nota per la sua civiltà culturalmente avanzata può essere vissuta semplicemente passeggiando per le vaste rovine che sono state restaurate e conservate in modo impeccabile. Il clou è "El Castillo", che si traduce in "il castello". La struttura di 90 piedi di altezza presenta scale su ciascun lato, con 365 gradini che rappresentano il numero di giorni in un anno. È stato usato per scopi di osservazione religiosa e astronomica ed è a volte indicato come il Tempio di Kukulkan, dopo il dio serpente piumato. Le culture mesoamericane costruivano periodicamente piramidi più grandi su quelle più vecchie, e questo è uno di questi esempi. Visitando l'equinozio primaverile o autunnale, avrai una visione affascinante del fenomeno tra la luce del sole e i bordi delle terrazze a gradoni della piramide. Questa brevissima mostra di ombre appare ai lati della scala nord in una linea seghettata di sette triangoli interdipendenti che dà l'impressione di una lunga coda che conduce in basso alla testa di pietra del serpente Kukulka.

    Pompei, Italia Credito: bigstock.com
    Rovine dell'antico Tempio di Apollo con statua in bronzo di Apollo a Pompei

    Pompei, Italia (Alberghi vicini)

    Indubbiamente una delle città perdute più famose al mondo, Pompei fu distrutta nel 79 dc dall'eruzione del Vesuvio che copriva la città di cenere. La cenere era ciò che l'aiutava a rimanere perfettamente conservata. Mummie incatenate di cenere furono create dai cittadini in fuga, letteralmente bloccandoli in posizione di fuga. Questa è una delle destinazioni turistiche più visitate in Italia, come la famosa città romana che fu sepolta sotto diversi metri di cenere vulcanica per quasi 1.700 anni dopo l'eruzione cataclismica del Monte. Vesuvio. Situato vicino alla moderna città di Napoli, fare un tour di questa affascinante città congelata nel tempo offre informazioni su come le persone vivevano ogni giorno nel 79 d.C., circa 1.935 anni fa. Passeggia per le antiche strade per vedere i resti di panetterie, un anfiteatro, un forum, bagni e persino bordelli, dove le pareti sono state dipinte con varie posizioni sessuali da cui i clienti hanno fatto la loro scelta preferita.

    Machu Pichu, Perù Credito: bigstock.com
    Machu Picchu, Perù

    Machu Pichu, Perù (Alberghi vicini)

    Praticamente il bambino dei poster per le città perdute, Machu Pichu è il più visitato, il più fotografato e, probabilmente, il più pittoresco. Le rocce e le ex terrazze, unite alle alte quote del Perù che la rendono così maestosa in una giornata parzialmente nuvolosa, la rendono una tappa obbligata per chiunque visiti questa spettacolare regione montuosa. Il modo più semplice per arrivare qui da Cusco è prendere il treno per Aguas Caliente. Si tratta di un viaggio panoramico di 3,5 ore lungo i sentieri che corrono lungo il fiume Urubamba nella Valle Sacra, con pareti canyon spettacolari su entrambi i lati. Se stai cercando un viaggio che affermi la vita, percorri il Cammino Inca per raggiungerlo. Questa straordinaria avventura è davvero ispiratrice, con le basi per il trekking ad alta quota che abbraccia le Ande, ambientato più di 500 anni fa. Anche se non è più la città perduta che l'esploratore Hiram Bingham ha scoperto un secolo fa, la ricompensa per il tuo sforzo (un'escursione di quattro giorni, quasi 27 miglia) è l'occasione per ammirare questa leggendaria "Città perduta degli Incas" "Passando attraverso la Porta del Sole (Intipunku) all'alba, dopo aver seguito le orme degli Incas, che si ritiene abbiano costruito il sentiero come santo pellegrinaggio.

    Petra, in Giordania Credito: www.bigstock.com
    Petra, in Giordania

    Petra, Giordania (Alberghi vicini)

    L'antica città di Petra si trova nella regione conosciuta come "Ma'an" in Giordania. Questa città perduta che si credeva fosse stata costruita nel primo secolo aC, è un luogo maestoso che conserva ancora segreti nascosti che aspettano di essere svelati. Fu riscoperto nel 1812 dall'esploratore svizzero Johann Ludwig Burckhardt, che aveva passato molti anni a studiare l'arabo e la storia dell'Islam. Gli scavi archeologici nella zona hanno dimostrato che l'area fu occupata per la prima volta più di 9000 anni fa. La città è composta da centinaia di tombe, case, un teatro che potrebbe contenere più di 3000 persone, templi, obelischi e altari dove gli animali venivano sacrificati per calmare gli dei arrabbiati o chiedere favori. Per entrare, devi attraversare la stretta valle del Siq, con le pareti che si ergono su ciascun lato e gli imponenti pilastri che gradualmente si ergono in vista. La prima cosa che vedrai è il Tesoro scolpito, anche se alcuni studiosi ritengono che sia in realtà una tomba cerimoniale - fino ad oggi, si ritiene che solo il 15% della città sia stato scoperto, con il resto che rimane intatto nel sottosuolo.

    Sukhothai, Tailandia Credito: www.bigstock.com
    Sukhothai, Tailandia

    Sukhothai, Tailandia (Alberghi vicini)

    Questa città perduta è unica non solo nelle sue meravigliose opere d'arte e statue lasciate alle spalle, ma anche nella sua pretesa di fama come una delle più antiche città di storia tracciabile. Il Parco storico di Sukhothai copre le rovine di questa antica città di Sukhothai che si traduce in "Dawn of Happiness", situata vicino alla moderna città con lo stesso nome. Le mura della città formano un rettangolo a circa un miglio e un quarto da est a ovest di un miglio nord-sud. Ci sono circa 200 rovine su 27 miglia quadrate di terra. Un cancello si trova al centro di ogni muro, e all'interno ci sono i resti del palazzo reale e 26 templi, il più grande dei quali è Wat Mahathat. Questo sito patrimonio dell'umanità dell'UNESCO accoglie migliaia di visitatori che vengono ad ammirare le antiche figure del Buddha, gli edifici del palazzo e i templi in rovina che possono essere visitati a piedi in bicicletta.

    Persepolis, Iran Credito: www.bigstock.com
    Persepolis

    Persepolis, Iran (Alberghi vicini)

    Persepoli, o "la città dei Persiani", risale al 518 aC quando era la capitale cerimoniale dell'impero achemenide. Situata ai piedi del Kuh-i-Rahmat o dei Monti della Misericordia vicino alla città di Shiraz, è stata costruita su un'immensa terrazza semi-artificiale e per metà naturale, dove il re dei re ha creato un imponente complesso di palazzi ispirato a modelli mesopotamici. L'importanza e la qualità delle rovine monumentali ne fanno un sito archeologico unico. Tutto ciò che rimane oggi è ciò che è riuscito a evitare di essere bruciato dai Greci nel 330 aC, sotto la guida di Alessandro Magno. Rovine di una serie di edifici colossali esistono sulla terrazza, con 15 dei loro pilastri ancora in piedi intatti. Altri tre pilastri sono stati ricostruiti dal 1970 d.C. Molti degli edifici non furono mai finiti. F. Stolze ha mostrato che alcuni dei rifiuti dei muratori rimangono. Dietro il complesso di Persepoli, ci sono tre sepolcri scavati nella roccia sul fianco della collina. Le facciate, una delle quali è incompleta, sono riccamente decorate con rilievi.

    Angkor Wat, Cambogia Credito: bigstock.com
    Angkor Wat, Siem Reap, Cambogia

    Angkor Wat, Cambogia (Alberghi vicini)

    Uno dei siti archeologici più importanti del Sud-est asiatico, Angkor Wat si estende per oltre 150 miglia quadrate e presenta i resti di diverse capitali dell'Impero Khmer. Tutti sono stati costruiti tra il 9 ° e il 15 ° secolo, ma i più famosi sono il Tempio di Angkor Wat e il Tempio Bayon. Gli imponenti monumenti, i vecchi piani urbanistici e le grandi riserve d'acqua, oltre a testimonianze di vie di comunicazione secolari, sono tutti situati nella provincia di Siem Reap e sono indicativi di una civiltà eccezionale. Quando la luce del mattino lambisce le rovine e i templi qui, sembra che un magnifico dipinto prendano vita. Un luogo che deve essere visto di persona per comprendere veramente la sua maestosità, le strutture antiche si trovano all'interno di uno dei più grandi complessi religiosi sulla Terra, con il complesso, e la città reale di Angkor Thom del 12 ° secolo, considerata un'espressione di vero genio.

    Dwarka AKA Lord Krishna, India Credito: Wikimedia Commons
    Dwarka, India

    Dwarka AKA Lord Krishna, India

    L'antica città di Lord Krishna, un tempo era considerata semplicemente un mito. Ma le rovine scoperte nel 2000 hanno dato vita alla vecchia storia indiana. Lord Krishna, come dice il racconto, aveva una magnifica città, composta da 70.000 palazzi in oro, argento e numerosi altri metalli preziosi. E 'stato prospero fino alla sua morte, quando si presumibilmente affondò in mare. Le rovine si trovano a 131 piedi sotto la superficie dell'acqua nella baia della moderna Dwarka, una delle sette città più antiche dell'India. Gli studi acustici hanno dimostrato che le rovine sono così incredibilmente geometriche da sbalordire gli esperti. Molti reperti sono stati recuperati dal sito, ma forse nessuno più importante di uno che risale al 7500 aC, sostenendo la teoria secondo cui le rovine sono probabilmente l'antica Dwarka.