Homepage » Viaggio » Visitare l'Acropoli di Atene La Guida essenziale

    Visitare l'Acropoli di Atene La Guida essenziale

    Anche i viaggiatori più stanchi del mondo non possono avvicinarsi all'attrazione più iconica della Grecia antica senza essere sbalorditi. A coronamento di una drammatica falesia calcarea, l'Acropoli si erge sopra l'Atene moderna come simbolo dell'antica gloria della città, ricordando la cultura che fiorì più di due millenni fa. Oltre al Partenone, troverai molte altre cose da fare tra queste emblematiche rovine antiche. Mentre girovagano per i numerosi resti archeologici dell'Acropoli, i turisti seguono le orme di Socrate, Pericle e Sofocle e scoprono gli elementi costitutivi della civiltà occidentale.
    Vedi anche: Dove alloggiare vicino all'Acropoli

    Odeon of Herodes Atticus: un teatro del secondo secolo

    Odeon of Herodes Atticus: una rappresentazione teatrale del secondo secolo: prima di entrare nell'area ammissione dei biglietti dell'Acropoli, i turisti possono visitare l'Odeon di Erode Attico. Questo antico teatro prende il nome da Erode Attico di Maratona (al di fuori di Atene), che lo costruì in memoria di sua moglie Regilla nel 161 d.C. Il teatro è stato progettato con un auditorium inserito in una conca naturale. File di posti a sedere semicircolari potevano ospitare quasi 5.000 persone. L'orchestra si trovava originariamente nello spazio circolare al centro con il palco basso (skene) vicino ad esso su un lato. Tra l'auditorium e il palco c'erano passaggi aperti per l'ingresso del coro (parodoi). Le esibizioni dal vivo sono ancora tenute in questo teatro durante l'estate. Il Festival di Atene e Epidauro presenta opere classiche greche e spettacoli musicali e di danza, offrendo ai turisti la magica esperienza di assistere a un dramma di duemila anni nel teatro originale.

    Porta di Beulé: l'entrata di epoca romana

    Porta di Beulé: L'entrata di epoca romana Gerry Labrijn / foto modificata Condividi: Dopo aver attraversato l'area di ammissione, i turisti entrano nel sito dell'Acropoli attraverso la Porta di Beulé. Questa porta dell'era romana prese il nome dall'archeologo francese del XIX secolo che la scoprì. La porta di Beulé si trova sotto il lato ovest del Propilei, il maestoso ingresso dell'Acropoli. Con due torri fiancheggiate, la porta risale al 280 aC ed era originariamente collegata al Propileia da un'ampia scala in marmo costruita durante il regno dell'Imperatore Settimio Severo. Parte della sezione inferiore della scala è sopravvissuta.

    Monumento di Agrippa, primo secolo aC

    Monumento di Agrippa, primo secolo aC Gerry Labrijn / foto modificata Condividi: Oltre il Porta di Beulé, sulla strada verso il Propilei, i turisti si imbattono nel monumento di Agrippa. Questo piedistallo di marmo a due colori, alto e rettangolare, fu costruito nel II secolo aC per un benefattore di Atene, forse il re di Pergamo, la meravigliosa città antica (oggi parte dell'attuale Turchia). Il monumento prende il nome Marco Agrippa, genero di Augusto, perché una rappresentazione scultorea in bronzo del suo carro a quattro cavalli (quadriga) fu montata sulla base nel 27 a.C..

    Propylaia: il magnifico ingresso dell'Acropoli

    Propylaia: The Magnificent Entrance to the Acropolis Condividi: Un cancello d'ingresso ordinario non sarebbe sufficiente per la gloriosa città antica dell'Acropoli. Questo maestoso viale d'ingresso ha dato il tono ai visitatori in arrivo, preparandoli per il sito sbalorditivo del Partenone e gli altri templi monumentali sulla collina rocciosa in alto. Il Propileia fu costruito da Mnesikles nel 437 aC al 432 aC. In primo luogo, una scalinata di gradini di marmo porta ad un vestibolo contenente cinque porte, che aumentano di larghezza e altezza dai lati verso il centro. A ovest c'è un profondo portico, con un portale centrale incorniciato da colonne ioniche. Lungo il fronte di questo portico si trovano sei colonne doriche, che originariamente sostenevano il frontone. Sul lato est è un portico più piccolo ma ancora impressionante anche con colonne doriche. Il complesso architettonico sfaccettato, con dettagli intricati, contribuisce a dare un senso generale di grandezza.

    Il tempio splendidamente conservato di Athena Nike

    Il tempio splendidamente conservato di Athena Nike Condividi: Il tempio di Athena Nike è il più elegante e ben conservato degli edifici dell'Acropoli, essendo stato restaurato nel XIX e XX secolo. In piedi su uno sperone di roccia sul lato sud del Propilei, questo antico santuario era dedicato alla Dea Atena come portatrice di Vittoria (Nike). Il tempio fu costruito tra il 432 aC e il 421 aC, dopo il completamento del Partenone e il Propileia. Il tempio presenta quattro colonne ioniche finemente scolpite alle estremità nord e sud. La forma delle basi e dei capitelli delle colonne era antiquata all'epoca in cui furono costruiti, portando gli archeologi a suggerire che l'architettura fosse influenzata dal precedente disegno di Kallikrates. La balaustra che un tempo adornava la piattaforma del tempio è ora esposta al Museo dell'Acropoli, insieme a figure in rilievo di Atena e diverse rappresentazioni di Nike (la dea della vittoria).

    Il Partenone: il luogo più sacro del mondo antico

    Il Partenone: il luogo più sacro del mondo antico Condividi: In piedi maestosamente sul punto più alto della collina dell'Acropoli, questo tempio mozzafiato era il tempio più magnifico del mondo antico. Per le migliori vedute del Partenone da una certa distanza, vai a Philopappou Hill direttamente di fronte all'Acropoli. Il tempio fu costruito dal 447 aC al 338 aC durante il boom edilizio di Pericle ed è un capolavoro dell'architetto Iktinos e del grande scultore Fidia. Essendo l'ultimo santuario sacro della città, il tempio venerò il culto di Atena la Vergine (Athena Parthenos), la Dea della saggezza e della guerra e il guardiano di Atene. Esemplificando lo stile classico, il tempio presenta 136 colonne doriche scanalate (in file ripetute di 8 x 17), creando un senso di armonia e ordine. Notare come le colonne siano leggermente più voluminose alla base e la forma si restringe gradualmente verso l'alto. Ogni colonna di 10,5 metri di altezza ha un diametro di 1,9 metri al piede e 1,5 metri in alto, una tecnica ingegnosa, che crea l'illusione ottica di un edificio perfettamente bilanciato. Altrimenti il ​​tempio sembrerebbe molto pesante.
    Anche se l'interno del Partenone è off limits, i turisti possono passeggiare all'esterno per ammirare la struttura da ogni angolazione. La scala monumentale del tempio e gli straordinari dettagli dell'artigianato sono impressionanti. All'estremità est, i frontoni raffigurano la nascita di Atena dalla testa di Zeus. All'estremità ovest, i frontoni illustrano il conflitto tra Atena e Poseidone per la terra dell'Attica. Originariamente, il tempio aveva un tetto coperto di piastrelle di marmo con ruscelletti per l'acqua piovana ai suoi quattro angoli. Dopo aver servito come tempio per circa 900 anni, il Partenone subì notevoli danni nel quinto secolo quando fu trasformato in un tempio Chiesa cristiana dedicato alla Vergine. Il Partenone rimase in uso come chiesa per altri 950 anni prima di diventare una moschea turca nel 1456. Sfortunatamente, il tempio, che era sopravvissuto per più di 2.100 anni, fu distrutto da una bomba durante i combattimenti tra veneziani e turchi nel XVII secolo . Oggi, le rovine di questa massiccia struttura rimangono come testimonianza della sua antica gloria.

    Portico delle Cariatidi all'Eretteo

    Portico delle Cariatidi all'Eretteo Condividi: Costruito dal 421 aC al 395 aC, il complesso di Eretteo contiene un numero di antichi santuari. La parte orientale era occupata da un santuario costruito un secolo prima, il Tempio di Athena Polias. Nella parte occidentale era il Tomba di re Eretteo. Una delle caratteristiche più famose dell'Eretteo è il Portico delle Cariatidi, sei colonne scolpite come figure di fanciulle al posto di colonne ordinarie. Il Tomba di Kekrops, il fondatore della linea reale ateniese, era situato sotto il Portico delle Cariatidi. Dal portico nord, una porta laterale conduce nel distretto di culto adiacente del Pandroseion.

    Antico tempio di Atena Polia, VI secolo a

    Antico tempio di Atena Polia, VI sec. AC Condividi: Trovato immediatamente a sud del principale Erechtheion santuari, l'antico tempio di Atena fu costruito agli inizi del VI secolo aC all'interno del recinto del Palazzo reale miceneo del XIV secolo a. (Gli unici elementi architettonici rimanenti del palazzo miceneo sono due basi di colonne). Questo tempio era il santuario di Athena Polias (Athena of the City), il patrono della città. Il tempio conteneva la venerata Cult Image of the Goddess in legno (Xoanon), in una tradizione che molto probabilmente risaliva ai tempi micenei. L'Antico Tempio di Atena fu distrutto dai Persiani nel 480 aC insieme a tutti gli altri edifici del periodo arcaico. Non è stato fino al 19 ° secolo che le fondamenta del tempio furono scoperte dagli archeologi.

    L'ulivo leggendario del Pandroseion

    Il leggendario Ulivo del Pandorosey Shay Tressa DeSimone / foto modificata Condividi: Il Pandroseion si trova tra il Erechtheion e il Vecchio tempio di Athena Polias. Questo piccolo tempio prende il nome da Pandrosos, la figlia del primo re di Atene. Il tempio conteneva l'altare di Zeus Herkeios (protettore del focolare) e un santuario di Pandrosos. Gli studiosi ritengono che i sacri serpenti dell'Acropoli siano stati tenuti qui. Inoltre, secondo la leggenda, Athena ha presentato l'ulivo sacro alla città qui dopo la sua vittoria su Poseidone nella gara per la terra dell'Attica. Lo storico greco Erodoto del V secolo aC ci dice che il giorno dopo la distruzione dell'Acropoli da parte dei Persiani nel 480 aC, un nuovo germoglio era sorto dal tronco dell'albero bruciato. Questo albero divenne un simbolo della sopravvivenza di Atene. Come tributo a questo antico evento, un ulivo è stato piantato qui in tempi moderni.

    Museo dell'Acropoli

    Museo dell'Acropoli Charles Pence / foto modificata Condividi: Il Museo dell'Acropoli è un'attrazione culturale imperdibile ad Atene, inaugurata nel 2009. Sotto la collina dell'Acropoli, a circa 300 metri dal sito archeologico, questo incomparabile museo contiene uno dei più preziosi di Atene collezioni di arte greca antica. Di fronte al museo è un sito archeologico designato dove gli archeologi possono essere visti al lavoro. Dopo aver passato questo "laboratorio archeologico", i turisti arrivano all'ingresso dell'edificio elegante e moderno progettato dagli architetti Bernard Tschumi e Michael Photiadis. Illuminati dalla luce naturale, le ampie gallerie espositive mostrano circa 4000 oggetti inestimabili. La maggior parte degli oggetti della collezione sono stati scoperti presso i siti archeologici dell'Acropoli. La collezione abbraccia il periodo arcaico, dal VII secolo aC al V secolo aC, e il periodo classico, dal V secolo aC al II secolo aC. I momenti salienti sono le Cariatidi originali dell'Eretteo, la statua di Moschophoros del VI secolo aC di un giovane con un vitellino, il rilievo del quinto secolo aC di Athena in lutto e la serie di rilievi del Tempio di Atena.
    Indirizzo: 15 Dionysiou Areopagitou Street, Atene
    Sito ufficiale: http://www.theacropolismuseum.gr/en

    Teatro di Dioniso

    Teatro di Dioniso Condividi: Vicino al Museo dell'Acropoli è il teatro di Dioniso del IV secolo aC, che ha un'entrata separata dal resto dell'Acropoli. (Il biglietto d'ingresso all'Acropoli include l'ingresso a questo sito, ma è possibile acquistare un biglietto più economico solo per entrare nel Teatro di Dioniso.) Il teatro di Dioniso del IV secolo aC è il più antico dei tre complessi architettonici costruiti sulle pendici meridionali dell'Acropoli (via Areopagitou). Qui sono state eseguite le grandi tragedie greche di Sofocle ed Euripide. Vicino al Teatro di Dioniso è il Stoa di Eumene, costruito dal re Eumene II (197-160 aC) di Pergamo, una città del periodo ellenistico situato nell'attuale Turchia. Il re Eumene era famoso per aver fondato una città piena di edifici imponenti, tra cui il Grande Altare di Pergamo.

    Dove alloggiare vicino all'Acropoli per visitare la città

    Consigliamo questi convenienti hotel con facile accesso all'Acropoli:

    • AVA Hotel Athens: boutique hotel di lusso, posizione fantastica, arredamento elegante, negozi e ristoranti nelle vicinanze, vasca idromassaggio.

    • MET34 Athens Hotel: boutique hotel a 4 stelle, design elegante, camere e suite con angolo cottura, colazione inclusa, drink di benvenuto, concierge.

    • InnAthens: prezzi di fascia media, edificio neoclassico secolare, personale eccezionale, arredamento minimalista, colazione eccellente con prodotti tradizionali.

    • Marble House: hotel economico, ottima posizione, a conduzione familiare, zona residenziale.


    Suggerimenti e tour: come sfruttare al meglio la tua visita all'Acropoli

    • Visite dell'Acropoli: Nel tour panoramico di mezza giornata di Atene, della durata di 3,5 ore, esplorerai i punti salienti della città con una guida locale esperta, terminando con un tour a piedi dell'Acropoli. È possibile aggiornare questo tour per includere l'ingresso al Museo dell'Acropoli.

    • Visitare l'Acropoli da solo: Mentre è possibile acquistare un biglietto solo per l'Acropoli, è anche incluso in un biglietto completo che comprende l'antica Agorà, il sito archeologico di Lykeion, la biblioteca di Adriano, l'agorà romana e molti altri siti antichi. Non è possibile acquistare biglietti anticipati, ma è possibile risparmiare tempo nei giorni impegnativi acquistando un biglietto completo in uno dei siti meno affollati in cui non ci sono linee di attesa. Con quello puoi saltare la fila all'Acropoli.

    • Comfort e sicurezza: Perché l'Acropoli si trova su una collina ripida e le sue pietre antiche sono usurate e irregolari, indossare comode scarpe a tacco basso con suole di gomma per visitare la città. Le bevande non sono facilmente disponibili, quindi assicurati di portare molta acqua, soprattutto in estate.

    • Dove mangiare: Il museo ha una caffetteria e un ristorante con vista mozzafiato sulle antiche rovine sulla collina dell'Acropoli. Se esci dal lato settentrionale, sarai vicino agli affascinanti quartieri di Anafiotika e Plaka, che sono pieni di ristoranti e caffè nascosti in un delizioso labirinto di tortuose strade pedonali.


    INGRANDISCI MAPPA STAMPA MAPPA EMBED Atene - Mappa Acropoli Vuoi utilizzare questa mappa sul tuo sito web? copia e Incolla il codice qui sotto: INGRANDISCI MAPPA STAMPA MAPPA EMBED Mappa Acropolis Vuoi utilizzare questa mappa sul tuo sito web? copia e Incolla il codice qui sotto: